Zanzare…. no grazie!

L’infestazione da parte delle zanzare è un problema molto sentito anche in Canton Ticino, in particolar modo nei mesi più caldi. Da sempre, questi insetti sono stati un veicolo di diffusione di alcune malattie. In passato sono state responsabili della trasmissione della malaria; oggi lo sono per nuovi ceppi virali come Chikungunya, Dengue, West Nile Virus, Usutu Virus, introdotti anche in Svizzera dagli uccelli migratori portatori della malattia. Per questo è importante intervenire sul problema con opportune attività di disinfestazione dalle zanzare, operazione che richiede la conoscenza del ciclo vitale di questo insetto, al fine di evitarne la riproduzione e successiva diffusione nell’ ambiente.

In estate siamo ormai abituati alla presenza fastidiosa e costante delle zanzare. Si tratta di un problema che affligge l’intera comunità, e che andrebbe pertanto combattuto in azione coordinata tra cittadino e amministrazioni pubbliche. Ogni privato dovrebbe infatti intervenire attivamente nelle operazioni di disinfestazione, contrastando il proliferare di questi fastidiosi e pericolosi insetti nelle sue aree private.

Le zanzare maggiormente diffuse sono :

Zanzara Tigre ( Aedes albopictus )

E’ una “zanzara cittadina” che colonizza prevalentemente piccole raccolte d’acqua per la deposizione delle sue uova, si riposa all’ombra su bassi arbusti e punge generalmente di giorno. Essa assomiglia ad altre zanzare sia per forma che per dimensioni, ma presenta una striatura nettamente bianca e nera sulle zampe. Non è una buona volatrice (copre solo brevi distanze, meno di 100 metri), quindi si riproduce dove è osservata. La zanzara tigre può essere un vettore potenziale di gravi malattie per l’uomo. Nelle nostre regioni la sua puntura causa per ora solo un fastidioso prurito.

Zanzara Comune  ( Culex pipiens )

E’ di aspetto e dimensioni piuttosto minute e colorazione di fondo sul marroncino. L’addome è tronco, e ciascun segmento è attraversato da due bande trasversali: bruna quella distale, beige quella prossimale. Di questa specie esistono due forme biologiche: una rurale e ornitofila e una antropofila, particolarmente adattata agli ambienti urbani, che rappresenta un’evoluzione della prima. Dal punto di vista biologico, la forma antropofila si differenzia per caratteri che si sono selezionati in seguito all’adattamento alla vita in ambienti chiusi, spesso ipogei: essa è infatti in grado di accoppiarsi in spazi ristretti (stenogamia), di compiere il primo ciclo di produzione di uova senza pasto di sangue (autogenia) e di non effettuare la diapausa invernale (omodinamia). Esistono popolazioni ibride e con caratteristiche intermedie.Si tratta di una specie con scarsa capacità di volo (poche centinaia di metri), ma è ovunque ampiamente diffusa con popolazioni più o meno consistenti e con un diverso grado di antropofilia.Culex pipiens è il principale vettore del virus West Nile in Europa. E’ inoltre un comune vettore del virus Usutu e della filaria del cane.

Zanzara delle Risaie (Ochlerotatus caspius )

E’ una delle zanzare più fastidiose, punge anche in pieno giorno, pur preferendo il crepuscolo quando le temperature si abbassano. Depone le sue uova nel terreno e le larve schiudono quando l’acqua le ricopre, infatti sono tipiche delle risaie, dei prati irrigui e delle aree alluvionali. Le larve si sviluppano solitamente in zone paludose, lagune, pozze, canali di scolo e tollerano acque con gradi di salinità molto diversi che vanno dal dolce al salmastro. Come le zanzare tigre non amano gli spazi chiusi, solo in caso di forti infestazioni possono spingersi anche all’interno delle abitazioni.A causa della sua spiccata aggressività nei confronti dell’uomo, tale specie riduce notevolmente la vivibilità delle aree soggette ad infestazioni.

Per le procedure di disinfestazione è fondamentale affidarsi ad aziende qualificate e professionali.

Noi vi consigliamo di contattare la nostra azienda partner: i.s.multiservizi sagl

Condividi!

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest