La musica, la colonna sonora della nostra vita

La musica è una forma d’arte che accompagna la nostra vita tutti i giorni e che si distingue per l’essere sempre disponibile e fruibile; basta cantare e ci sentiamo subito bene! L’importanza della musica per il nostro benessere psicofisico è nota da tempo immemore, anche perché questa forma di arte è presente in tutte le culture e in ogni epoca ha accompagnato gli esseri umani in svariati tipi di attività, o anche solo allo scopo di farli sentire meno soli. Già nell’antica Grecia, Platone e Aristotele parlavano della potenzialità terapeutica della musica ed il Dio Apollo era stato eletto a divinità della musica e della medicina. Quando la musica arriva alle orecchie, le onde sonore vengono convertite in impulsi nervosi che viaggiano attraverso varie aree del cervello, comprese quelle che rilasciano la dopamina , un neurotrasmettitore coinvolto nella regolazione del piacere.

Le frequenze musicali incidono sulla frequenza cardiaca, sul ritmo respiratorio e sugli stati psico- fisiologici in generale, contribuendo a generare stati emotivi positivi, ad aumentare la capacità di concentrazione, di apprendimento e di abilità. Con la Biomusica e il suono delle campane tibetane si agisce su tre aree collegate fra loro: il corpo, le emozioni e il campo bioenergetico dell’individuo, elementi fondamentali per il benessere della persona. La pratica musicale già in età infantile aiuta a stimolare le capacità cerebrali sviluppando nuove sinapsi tra le cellule in quanto il cervello è particolarmente plastico nei bimbi fino ai 3 anni. La musica con la sua armonia, ritmo e vibrazioni aiuta a stimolare l’emotività, la socializzazione ed è per questo che è importante permettere all’istinto musicale del piccolo di emergere e di svilupparsi. Il cervello del bambino è sensibile alla musica ancor prima di nascere: già in utero ha sentito suoni, vibrazioni e la musicalità della voce della mamma che gli trasmetteva emozioni e sentimenti permettendogli un attaccamento affettivo anche dopo la nascita. Dunque, tanto prima si fa pratica musicale (compreso il periodo della gravidanza) tanto meglio è per il cervello e per il benessere della persona.

Se vuoi ulteriori informazioni sui benefici della musica e su come applicarla nel periodo della gravidanza e durante i primi mesi/anni dei bimbi, vi consigliamo di contattare: Onda Sonora

Condividi!
Share on Facebook
Share on Twitter
Share on LinkedIn
Share on Pinterest