Andare a scuola a piedi con il Pedibus: fa bene al clima, alla convivialità e alla sicurezza

Nei prossimi giorni gli alunni della Svizzera italiana torneranno a scuola. L’ATA Associazione traffico e ambiente lancia la nuova campagna Pedibus con i colori delle quattro stagioni.

I bambini che vanno a scuola a piedi godono di molti benefici e sviluppano un rapporto speciale con la natura e l’ambiente circostante. L’ATA si impegna con i bambini, i genitori, gli insegnanti e le autorità per garantire che andare a scuola a piedi rimanga un’esperienza sicura, emozionante e salutare.

Il giusto supporto

L’ATA invita genitori e bambini a raggiungere la scuola a piedi durante tutto l’anno. Con l’alternarsi delle stagioni, i bambini possono scoprire l’ambiente che li circonda in modo nuovo, trovando il loro posto nel traffico. A partire da questa settimana, il nuovo visual della campagna Pedibus dell’ATA, che presenta le quattro stagioni, sarà utilizzato negli spazi pubblici e sui mezzi di trasporto pubblici nazionali e regionali.

Grazie al Pedibus, l’ATA contribuisce a promuovere gli spostamenti a piedi da e verso la scuola. Questo sistema di accompagnamento partecipativo permette a genitori e bambini di condividere un momento di svago in tutta sicurezza, con il sole o con la pioggia. Si tratta di un grande successo, con oltre 350 percorsi Pedibus che coprono in media 7 chilometri a piedi ogni settimana. L’ATA sostiene i genitori che vogliono istituire un servizio nel loro quartiere.

Pedibus è un progetto dell’ATA Associazione traffico e ambiente promosso in Ticino con il sostegno del Fondo di sicurezza stradale, con il contributo del Servizio di promozione e di valutazione sanitaria dell’Ufficio del medico cantonale, nell’ambito del Programma d’azione cantonale “Promozione della salute”, con il sostegno di Promozione Salute Svizzera.

Per maggiori informazioni:

·  Caterina Bassoli, coordinatrice Pedibus Ticino, ticino@pedibus.ch, tel. 076 801 16 51

·  Ufficio stampa ATA, 079 708 05 36, medias@ate.ch

Condividi!
Share on Facebook
Share on Twitter
Share on LinkedIn
Share on Pinterest